Purificatori d’aria LIVOO

OFFERTA SPECIALE PURIFICATORI

A cosa serve?

Se sei un soggetto allergico o asmatico, saprai bene quanto sia importante respirare dell’aria pulita, che non peggiori la tua situazione. Purtroppo è impossibile eliminare totalmente le particelle di muffa, smog, pollini e allergeni presenti nell’aria, ma grazie ai progressi della tecnologia esistono comunque dei prodotti che possono aiutare.

Si tratta dei purificatori d’aria.

La loro efficacia è di almeno il 99.97%. Si tratta di una percentuale altissima che, in caso di bambini o individui allergici, può davvero fare la differenza.

A seconda dell’ambiente in cui vorrai posizionare il purificatore, dovrai scegliere un modello diverso. Ne esistono di piccoli ed economici, ad esempio, da poter tenere in ufficio. Altri, grandi e potenti, sono invece adatti ad ambienti estesi e situazioni particolari. Dovrai quindi capire quale modello fa più al caso tuo!

Qualunque modello tu scelga, ricorda di posizionarlo lontano da fonti di calore, umidità e altri ambienti in vicinanza di camini o stufe. Inoltre non devono esserci ostacoli o elementi di ostruzione nelle vicinanze! Una buona idea è quella di posizionare il depuratore in prossimità della fonte contaminante, quale può essere una finestra che tieni aperta per molte ore durante il giorno. Potresti anche lasciarlo acceso di notte, soprattutto in camera dei tuoi bambini.

I purificatori più comuni per uso domestico non richiedono una particolare manutenzione e sono molto facili da usare. In alcuni casi, sarà sufficiente pulire periodicamente il filtro, e cambiarlo circa ogni 6 mesi oppure ogni anno. Ti basterà un panno umido per pulire le griglie esterne di un comunissimo depuratore, ed uno spolverino per prenderti cura di filtri e, quando presenti, anche dei pre-filtri.

Insomma, sono prodotti che non possono che apportare benefici e rendere la tua quotidianità più facile e vivibile. Per non parlare dei costi, generalmente molto accessibili! In questa guida imparerai tutto il necessario per capire come funzionano questi dispositivi, e vedrai che scegliere quello più adatto alle tue esigenze si rivelerà facilissimo.

Come già accennato più volte, l’elemento più importante che rende perfetto e performante un purificatore d’aria è il filtro. Ovviamente esso gioca un ruolo fondamentale, e in commercio troverai tantissimi filtri diversi. Ad esempio alcuni brand propongono filtrature a quattro stadi o la presenza di un pre-filtro, altri promuovono tecnologie brevettate appositamente dai loro esperti.

Uno dei filtri più comuni, soprattutto nei modelli più datati, è quello a carbone. Esso è utile soprattutto per l’assorbimento di cattivi odori, ma anche gas nocivi e vapori chimici. Generalmente un filtro a carbone di dimensioni medie (450 grammi), ha una superficie filtrante pari a 242.000 mq. Può quindi risultare utile anche in ambienti di dimensioni medio-grandi.

Un’altra tipologia di filtri molto utilizzata è quella dei filtri HEPA.  Si tratta di un filtro anti particolato, impiegato per la prima volta dalla Commissione Energia Atomica degli Stati Uniti per rimuovere le particelle radioattive durante la Seconda Guerra Mondale. Nel frattempo la tecnologia si è evoluta al punto tale che puoi avere uno strumento del genere anche in casa tua! Il filtro è in grado di intrappolare le particelle di polvere, di muffa, ma anche le spore di vario tipo. È quindi perfetto per depurare l’aria di ambienti in cui vivono soggetti allergici o asmatici.

Questi filtri sono spesso entrambi presenti nello stesso dispositivo. Molte volte a tutto ciò si accompagna una funzione di emissione dell’ozono. Tale funzione avviene tramite diverse modalità. La più comune è la purificazione ad ultravioletti, che agisce in modo tale da esporre l’aria alla luce generata dalla lampata UV integrata. Questo sistema è molto buono ed economico, ma l’ozono prodotto è limitato.